MIGRANTI, FALSO E GRAVE DEFINIRE ITALIA “PORTO NON SICURO”

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Una nave che ha salvato delle persone da un naufragio in mare è, in concreto e sotto il profilo del diritto, simile a un’ambulanza. Il “porto sicuro” serve a portare in salvo, nel più breve tempo possibile, delle vite umane in un posto in cui non debbano temere per la propria incolumità e la propria salute. Il governo nel decreto emanato oggi sostiene che i porti italiani non abbiano più queste caratteristiche solo per le navi straniere che abbiano effettuato interventi di salvataggio. Evidentemente è falso dal punto di vista tecnico oltre che grave e sbagliato politicamente. Andrebbero messe in atto tutte le misure necessarie atte a scongiurare la diffusione del contagio a partire dalle più stringenti misure di quarantena, ed è inconcepibile che si arrivi ad auto-negarsi la definizione di “porto sicuro”, così su facebook il deputato di +Europa Radicali Riccardo Magi. Roma, 8 aprile 2020