MIGRANTI, “DIREZIONE GIUSTA MA TROPPI OSTACOLI, RISCHIO INVISIBILI RESTINO TALI”

Condividi su facebook
Condividi su twitter

“Se si fa un provvedimento di regolarizzazione perché lo si ritiene giusto e perché si ritiene abbia effetti positivi in termini sociali, economici, di sicurezza e di salute pubblica allora si deve puntare a toccare il bacino più ampio possibile di irregolari. Il provvedimento di regolarizzazione varato dal governo ieri sera va nella direzione giusta, ma presenta troppi ostacoli all’accesso che costringeranno a restare nell’irregolarità molti degli attuali invisibili. Molti, troppi, stranieri irregolari, pur lavorando già nei settori indicati dal decreto, non riusciranno ad emergere perché del tutto sconosciuti alle autorità, lo stesso avverrà per tanti altri cittadini che lavorano o potrebbero lavorare in settori diversi da quelli indicati. Per questo è importante che ci sia un reale esame parlamentare in grado di migliorare il provvedimento aprendolo ad una platea più ampia”. Così in una nota Riccardo Magi deputato di +Europa Radicali e relatore in I commissione della proposta di legge Ero straniero per la modifica della Bossi Fini.  Roma, 14 maggio 2020