Migranti, Carola andava aiutata e non ostacolata. Autorità si scusino

Condividi su facebook
Condividi su twitter

“La Cassazione dà un giudizio definitivo sulla vicenda dello sbarco della Sea Watch 3 a Lampedusa nel giugno scorso e sulla vicenda giudiziaria della sua comandante. Carola Rackete fu arrestata per aver salvato delle vite e aver compiuto una manovra dettata da uno stato di necessità ignorato dal governo. Anche le forze di polizia impegnate in quei giorni e in quell’estremo e spregiudicato tentativo di impedire l’attracco al molo avrebbero dovuto conoscere le norme e le procedure e agire di conseguenza. La Sea Watch fu quindi ostacolata illegittimamente. E’ quello che sostenevo già allora, mentre ero proprio sulla Sea Watch 3. Carola andava aiutata e ringraziata, ora meriterebbe le scuse delle autorità italiane”. così in una nota Riccardo Magi, deputato di Radicali +Europa. Roma, 20 febbraio 2020