IMMIGRAZIONE, SALVINI SE NE FREGA DELLA LEGGE, SUO OBIETTIVO CORTO CIRCUITO ISTITUZIONALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter

“Le autorità italiane consentano subito sbarco a naufraghi salvati dalla Alex di Mediterranea. Salvini non ha alcun  potere di vietare lo sbarco in caso di imbarcazioni che hanno effettuato un salvataggio in mare” lo dichiara Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa. “Il caso Sea Watch ha dimostrato inoltre l’illegittimità dei divieti di ingresso nelle acque territoriali previsti nel dl sicurezza bis in questi casi. Provvedimenti che nei fatti non possono avere effetti, se non quelli di provocare un corto circuito tra livello amministrativo e penale ed esasperare le tensioni politico istituzionali. E a nulla varranno gli emendamenti annunciati oggi da Salvini per innalzare le sanzioni e rendere più facili i sequestri delle imbarcazioni. Le sanzioni sarebbero comunque annullate dalle scriminanti già applicate dal tribunale di Agrigento”, spiega Magi.
“Ma il vero obiettivo del ministro dell’Interno è alzare sempre di più l’asticella dello scontro quotidiano. Lo conferma il fatto che Salvini ormai non chiede più la modifica del regolamento di Dublino, nonostante sia tra gli obiettivi del contratto di governo. Non è certo così che si fanno gli interessi degli italiani”, conclude Magi.

Roma, 6 luglio 2019