Fase2, intollerabile che governo decida su affetti

Condividi su facebook
Condividi su twitter



“La stragrande maggioranza degli italiani ha compreso benissimo la gravità del rischio ed ha risposto con responsabilità e attenzione massima. Una volta chiarito che non si può abbassare la guardia e che i contatti vanno ridotti al minimo anche in questa fase, non è tollerabile che le autorità entrino nel merito di chi i cittadini vogliono incontrare. C’è qualcosa di sadico e di morboso in questo ed è incredibile pensare che a Palazzo Chigi e al Viminale stiano giorni a lavorare per soppesare gli “affetti” più o meno duraturi e consistenti degli italiani.
Le autorità devono invece indicare, il più chiaramente possibile, a quali condizioni, con quali distanze, dispositivi di sicurezza o altre misure sia possibile incontrare altre persone”, così in una nota Riccardo Magi deputato di +Europa Radicali.

Roma, 3 maggio 2020