DL FISCALE, STOP IVA SU RICERCA BIOMEDICA E’ INVESTIMENTO PER PAESE, PARLAMENTO E GOVERNO COLGANO OCCASIONE

Condividi su facebook
Condividi su twitter

 “Il Parlamento e il Governo hanno in queste ore la grande occasione di rispondere con favore all’appello rivolto loro da alcune delle realtà più importanti e dei protagonisti della ricarica biomedica in Italia. L’appello – che chiede di garantire una esenzione dall’IVA per gli acquisti di prodotti e attrezzature per la ricerca biomedica effettuati da enti pubblici o provato senza finalità di lucro, come proposto da un mio emendamento al decreto fiscale all’esame in queste ore in commissione Finanze – è sottoscritto dal Presidente della Fondazione AIRC Pier Giuseppe Torrani, dal Direttore Generale della Fondazione Telethon Francesca Pasinelli, dal Presidente di Alleanza Contro il Cancro Ruggero De Maria, dal rappresentante del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi, dal Presidente della Rete Cardiologica degli IRCCS Elena Tremoli, dal Presidente della Rete IRCCS delle Neuroscienze e Neuroriabilitazione Fabrizio Tavaglini, dal Presidente della Conferenza dei rettori delle Università italiani Gaetano Manfredi e dal co-Presidente dell’Associazione Luca Coscioni Michele De Luca”, così il deputato radicale di +Europa Riccardo Magi.“Comprendo le difficoltà delle nostre finanze pubbliche ma faccio anche io appello a tutti i colleghi e al governo affinché si rifletta sul fatto che il mancato introito IVA costituirebbe in realtà un investimento in ricerca biomedica, si libererebbero cioè risorse fondamentali per lo sviluppo e per il futuro del nostro Paese”, conclude il deputato Riccardo Magi firmatario dell’emendamento al DL fiscale.IL TESTO INTEGRALE DELL’APPELLO È DISPONIBILE SUL SITO DELL’ALLEANZA CONTRO IL CANCROhttps://www.alleanzacontroilcancro.it/ricerca-scientifica-appello-al-governo-da-acc-airc-rete-neuroscienze-e-telethon/ Roma, 26 novembre 2019