CORONAVIRUS: ASSICURARE FUNZIONALITÀ PARLAMENTO, VOTO E DISCUSSIONI A DISTANZA NON SIANO TABÙ.

Condividi su facebook
Condividi su twitter

«Come altri deputati, ieri sera ho ricevuto una comunicazione della Camera che mi ha informava che l’onorevole Pedrazzini è risultato positivo al test del coronavirus e mi  invitava a non partecipare alla seduta odierna in considerazione della vicinanza degli scranni (Pedrazzini è seduto nella fila davanti alla mia). Non ho partecipato alla seduta odierna anteponendo la volontà di assumere ogni comportamento utile a contribuire al contenimento del contagio», scrive in una nota Riccardo Magi, deputato di Radicali +Europa.

«Ciò nonostante è evidente che questa situazione investe direttamente le funzioni e le prerogative della Camera, quelle del suo Presidente e di ogni suo membro. I precedenti e le prassi nella vita parlamentare costituiscono un elemento decisivo anche per orientare le scelte procedurali future;  per questo è evidente a tutti che il Parlamento debba con urgenza trovare soluzioni che gli consentano di continuare ad esistere e ad esercitare le proprie funzioni nella pienezza dei suoi poteri, anche – e per certi versi soprattutto – in questo momento drammatico. Discussioni e voto a distanza non devono essere visti come tabù in un momento così straordinario della vita del Paese», conclude.

Roma, 11 marzo 2020